Buon anno ragazzi!

IL FUTURO PUÒ NASCERE ANCHE IN CARCERE
di A.T (detenuto bibliotecario)

Tra pochi giorni anche nel C.C. Siena ricominceranno i corsi scolastici.
Tanti i corsi di studio, dall’alfabetizzazione per stranieri, alla scuola media e superiore. Moltissimi i detenuti che si sono iscritti, soprattutto stranieri per imparare i primi rudimenti della nostra lingua. Impazienti di frequentare la scuola, hanno cominciato da parecchi giorni a recarsi in biblioteca per apprendere da me e da un altro detenuto le prime nozioni di italiano.
Rinunciano all’ora d’aria, arrivano puntuali tutte le mattine, con un impegno sorprendente.
Ogni qual volta riescono ad imparare un argomento nuovo, a declinare un verbo, a comporre una frase, i loro volti si illuminano di gioia. Si sentono inclusi e non esclusi, e cominciando a poter comunicare si sentono parte di tutti noi.
Così la piccola biblioteca non è solo luogo di lettura, di studio, ma di aggregazione e socializzazione, dove a volte qualcuno di loro racconta le vicende di una vita fatta di fuga dalla guerra, dalla fame, rincorrendo il sogno di una vita normale.
Sono certo che otterranno ottimi risultati, all’altezza dell’anno scolastico appena passato, dove, nel corso per Operatore Socio Sanitario l’unica votazione raggiunta con 100/100 è stata ottenuta all’interno di questo istituto.
Tutto ciò, è merito indiscusso degli studenti, ma anche della Direzione dell’Istituto per la grande attenzione verso l’istruzione ed ogni tipo di attività culturale, e alla grande passione e professionalità degli insegnanti.
La scuola, la cultura, la conoscenza intesa come base di scambio e di convivenza civile tra esseri umani, conosciuta forse da qualcuno per la prima volta in un luogo di reclusione, potrà essere il futuro da uomini liberi.

 

 

Related Entries

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *